Guardando alcuni dei software in circolazione per l’analisi degli allenamenti, sicuramente uno dei più interessanti è il Golden Cheetah,  che tra l’altro è anche freeware.

Per mostrarne le potenzialità, metterò a confronto due diverse uscite, quella di martedi  incentrata su dei lavori di potenza fatti a fc di soglia e a basse rpm e quella di domenica in cui le fc importanti sono state raggiunte ad rpm più elevate. Il diverso mix tra fc e rpm dei due allenamenti, si nota chiaramente confrontando i seguenti grafici 3D, in cui sono state messe in relazione la fc e la cadenza in funzione del tempo. Per essere più precisi sui tre assi x,y,z sono stati impostati rispettivamente cadenza / frequenza / tempo trascorso ad una data fc normalizzata alla cadenza (rpm/fc). I diversi colori indicano le varie fc raggiunte: dal rosso al blu si va da fc basse a alte.

martedi 1 marzo 2011
domenica 6 marzo 2011

Analisi:
Dal grafico dell’uscita di martedi, si nota come le colonne azzurre/blu sono più dense a basse rpm: ciò indica dei lavori svolti ad elevate fc e basse rpm, mentre la maggior lunghezza di queste colonne rispetto le altre indica che il lavoro  ha richiesto una buona percentuale di tempo rispetto il tempo complessivo dell’uscita (2h).

Al contrario nel grafico di domenica le colonne azzurre sono più dense ad alte rpm.
Si noti in particolare la zona blu: è la fase in salita (Combai) svolta a fc importanti e a cadenze naturali. Come spiegato prima tali colonne in questo caso sono basse perchè basso è il tempo trascorso ad un dato valore rpm/fc rispetto al complessivo (circa 4h). Si noti inoltre, i picchi in basso a sinistra nel grafico (basse rpm/basse fc), che fanno riferimento al tempo fermo ad aspettare i compagni e/o le fasi senza pedalare.

Altro grafico che esprime le potenzialità di GC, è la visualizzazione della planimetria in 3D dell’uscita di domenica. In questo  caso negli assi x,y,z sono stati impostati rispettivamente: longitudine/latitudine/altezza.

Interessante è anche la possibilità di valutare attraverso l’analisi di alcuni parametri elaborati in automatico dal software, lo stress dovuto agli allenamenti. Per chi ha solo il cardio deve accontentarsi solo del  TRIM (TRaining IMpulse), mentre avendo a disposizione anche i dati sulla potenza, si potrebbe usufruire  di ulteriori parametri come ad esempio il bikescore.
Come detto, con questi parametri (TRIM e BIKESCORE) si può analizzare lo stress da allenamento e di conseguenza  con un po’ di esperienza, programmare il proprio training in modo adeguato.